Il sensuale gioco dei sensi.

Osservare e pensare,

un gesto, un atto, che con un connubio,

unisce due persone, due mondi,

quali … sensazione ed emozioni,

iniziò così, tra noi

sembrava un gioco di sguardi,

dove la sensualità, era nel ritardo

che lasciava l’altro sempre ,

in aurea sospesa.

L’amore, una miscellanea di emozioni,

provate, vissute, da un estasi ben lontana,

dai quei fatidici … dieci secondi finali,

dove il piacere raggiunge la vetta,

per poi volare giù come un’aquila

in picchiata sulla preda.

L’anima tua, è mia, come di contro,

la mia è tua, e insieme si fondono,

e si plasmano fra loro,

nell’assumere, una loro realtà.

Al nostro primo incontro,

il silenzio, la fa da padrone,

mentre carezze e i baci,

giocano con una verità,

che nessuno mai annullerà.

Cerco le tue labbra,

al buio del mio orgoglio,

e con l’indice bagnato, del tuo ardore,

scivolo con dolcezza,

a rivelarne la tenerezza, e i limiti,

mentre il mio sguardo,

s’inebria della loro bellezza,

inizia così … il sensuale gioco dei sensi.

© Copyright 2012 Raffaele Spera. All rights reserved.

Annunci

Il tempo cui l’amore … veglia sugli amanti.

Amo di te, quello che non ho,

ma tanto desidero,

come baciare, quel bocciolo di rosa,

che ti hanno adagiato sul viso,

sfiorare, con una piuma, la tua pelle,

per cogliere con lo sguardo, ogni suo fremito,

rubare, anche se per una manciata di secondi,

lo splendore dei tuoi occhi,

inebriarmi del profumo dei tuoi capelli,

che renderei docili, con le mie carezze,

per poi gustare il nettare proibito,

dove la venere, pudicamente,

copre con la sua mano,

non per custodire o proteggere,

ma per prepararla al piacere,

da gustare con chi, abilmente,

sta avvolgendo, la tua anima,

con la coltre della sua seduzione.

Questi sono i pensieri che leggo,

in quell’anima proibita,

dove l’accesso non mi è negato,

ma solo condizionato,

dove le emozioni si vivono,

per il tempo cui l’amore … veglia sugli amanti.

© Copyright 2012 Raffaele Spera. All rights reserved.

Verso il tuo angelico viso.

Una nota dietro l’altra,

un attimo di sosta,

e la musica della vita, riprende,

così, dopo ogni delusione,

la vita di ogni essere ricomincia,

facendo, tesoro dell’errore.

Ormai nessuno più sa,

dove esiste la verità del giusto,

e l’ignominia dell’ingiusto.

A me manca il desiderio,

quale carezza costante, sulla mia pelle,

di un amore sincero,

ma è un male comune, a questa umanità,

che non conosce l’altrui viltà,

di desiderare senza, il piacere di dare.

La natura umana è ingrata e strana,

sempre aperta nel prendere,

spesso costretta nel donare,

ma mai con amore sincero.

Un’altra luna oscurerà il sole,

e quest’umanità non colmerà,

il vuoto, che la separa dalla viltà,

di capire che nulla,

è più forte dell’amore,

nulla è più vero dell’amore,

nulla ti da le emozioni, di un sentimento,

che di umano ha tutto.

Cieco e folle nelle scelte,

vivo nell’espressione,

forte nel possesso,

dolce nell’approccio,

elegante nell’amplesso,

incerto nell’affermazione,

della propria identità.

Chi non riconosce,

a questo sentimento, la lealtà,

non ha diritto alla sua verità.

Amare, non è il giogo dei corpi,

asserti al ruolo di piacere,

amare è l’affermazione della verità,

come volontà di vita.

Solo chi ama sa,

che non c’è fine all’orizzonte,

quando lo sguardo e volto,

verso, il tuo angelico viso.

© Copyright 2012 Raffaele Spera. All rights reserved.

Ancora per poco!

 

Sono ancora qui, a osservare,

queste righe, che si materializzano,

alla fievole luce serale,

sono parole che nascono dal mio cuore,

e vanno dritte al tuo,

che tu leggi, per poi ascoltare nel silenzio.

Viviamo, nei pochi attimi rubati,

agli sguardi di chi non crede,

di chi giudica, per colpire,

di chi c’invidia questo sentimento.

Nessuno di questi,

comprese le nostre realtà,

potrà mai capire,

che la forza che ci attrae,

è troppo forte per domarla,

troppo intensa per annullarla.

Nessuno c’impedirà,

di vivere, questo sentimento,

nel modo che lui vorrà.

Noi siamo solo e semplicemente,

due anime che vivono una realtà,

che non possono e non vogliono negare,

che amano rifugiarsi,

fra le loro braccia,

anche se per pochi attimi,

per sussurrarsi . . .

la forza c’è, il desiderio cresce,

la realtà ci frena . . .

speriamo, ancora per poco!

© Copyright 2010 Raffaele Spera. All rights reserved.

Il tuo primo Bacio

Hai chiesto, agli occhi miei,

di privarsi per un momento,

della tua beltà …

è stato il più bel attimo,

della mia esistenza,

perchè il sospiro della vita,

 ha sfiorato le mie labbra.

Un sublime tepore,

per un attimo,  le ha velate,

avrei voluto, tanto  ricambiare,

ma fedele alla parola data,

ancora una volta,

ho subito l’ennesima ferita,

nel nome della fedeltà.

Avrei voluto gridarti,

ti voglio bene,

ma ti hanno detto di più, i miei occhi,

in cui tu, ami perderti,

alla scoperta di un’ anima,

che per te non avrà mai segreti.

© Copyright 2010 Raffaele Spera. All rights reserved.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: