Per combattere la propria identità

1165151462-SHORTBus2_capuano

I fogli di un libro,

si sfogliano lentamente,

e come i pensieri lasciano,

la nostra mente,

quando a guidarli,

non sono gli istinti,

ma le riflessioni,

di chi ha vissuto e perduto,

una parte di se,

lasciata sulla scia della vita.

Guardo le nuvole,

quando mutano in balia del vento,

le osservo e mi accorgo,

che siamo tutti figli  del cambiamento.

La natura ci concepisce,

quando ancor seme di germogli,

riposiamo in terra feconda,

in attesa dell’onda,

 che ci spingerà verso la luce.

La famiglia ci nutre e  cresce,

la vita ci accoglie,

il dolore ci scioglie,

la cultura ci ammonisce,

la realtà ci forgia.

Siamo figli della natura,

madre di ogni era,

dove la poesia vera,

racconta i sogni,

 le illusioni, le aspirazioni,

di chi crede che tutto,

 sia in suo possesso,

ma se credi in te,

puoi vincere anche il tuo Se.

Temi le concezioni,

ataviche e senza fondamento,

di chi narra di una nuova era,

dove gli interpreti,

sono volti noti,

mentre altro non sono,

che meschine giustificazioni,

per trascinarci nell’oblio delle allusioni,

dove le incertezze,

 sono vette definibili,

ed i concetti veri,

hanno un solo fondamento,

ci siamo plasmati ed adattati,

alla vita ed ai suoi mutamenti,

solo dopo aver accettato,

che si vive un giorno della vita,

ogni qual volta,

voliamo lontano dall’infinito,

dove sfumano i pensieri,

gli ardori ed i misteri,

di chi inganna la realtà,

per combattere la propria identità.

© Copyright 2016 Raffaele Spera. All rights reserved

Annunci

Da diritto ad amare

pensiero2[1]

Un cielo grigio d’illusioni,

una vita vissuta,

senza alcuna passione,

mentre cerchi nell’altrui,

la considerazione che di te non hai.

Vivere facendo del divertimento,

il proprio credo,

non giova a nascondere,

il rammarico di un momento perduto,

a quello non vissuto.

Le scelte sono sempre difficili,

 quando si spicca il primo volo,

verso un mondo nuovo,

in cui si regnerà,

nel seno della serenità.

Volano gli uccelli,

le nuvole ed i pensieri,

quando le parole restano,

intrappolate dalla paura,

di considerare la vita una fuga,

senza conoscere mai la verità.

Amate il vostro domani,

anche se a nessuno è dato,

la conoscenza del futuro,

ma solo della strada,

che si violerà,

per accedere alla serenità.

Il sogno non è di chi ama,

la propria immagine,

riflessa su di un gelido specchio,

che altro non mostra,

la maschera del momento.

Ci vuole coraggio,

per vivere i sogni,

perché nulla è certo oltre la vita,

come il primo volo,

 di un giovane uccello,

che per spiccarlo deve vincere,

 la paura del vuoto,

che lo separa dal librarsi,

carezzato dal vento,

scivolando sulle sue ali,

senza alcun tormento …

lo sarà solo, quando avrà compreso,

che ama solo chi riesce a capire,

che osare l’improbabile,

da diritto ad amare.

© Copyright 2016 Raffaele Spera. All rights reserved.

Per vivere il perduto

www.spaghettifile.com_img_273352

La vita è un viaggio,

la cui meta è certa,

si cerca durante questo percorso,

di ascendere ad un nuovo corso,

gustando o vivendo,

in relazione al momento,

un sapore da dare,

un senso da acquisire,

a chi vuole volare,

oltre il suo ego,

tenace e rigore,

di una personalità,

ambigua e spesso contorta,

la cui verità nessuno sa.

La nostra vita è un regalo,

mai richiesto ma ricevuto,

impariamo a viverla,

senza cadere nell’oblio,

dell’ozio volgare,

in cui il sesso lo associamo,

all’amore, senza considerare,

che il vero è il colore della realtà,

 mentre la fantasia è della voluttà.

Impariamo a conoscere e capire,

per accrescere il nostro Se,

aggirando il nostro Io,

tenace assertore,

 della cupidigia umana.

Superare una montagna,

senza conoscerla,

è difficile ma non impossibile,

vivere senza conoscenza,

della reale distanza,

tra l’anima è il cuore,

e come illudersi di rinascere,

per vivere il perduto.

 

 

 

© Copyright 2016 Raffaele Spera. All rights reserved.

Published in: on 15 Mag 2016 at 07:36  Comments (4)  

Senza età

125004_deseo1_1

Voglia d’amore … di vita,

lascio andare il mio corpo,

in balia del tempo,

che culla ogni attimo vissuto,

fra i sogni goduti e quelli perduti,

mentre un fremito,

 mi riporta alla realtà.

Apro gli occhi, sorrido e vedo te,

sei finalmente accanto a me,

stringi le mie mani,

mentre il tuo corpo carezza il mio,

e le tue labbra valicano il reale,

per approdare nel virtuale,

alla ricerca di un’umida carezza,

fatta di umori riconosciuti,

gustati e lentamente approdati,

alla tua anima,

che si apre quando,

sente il mio pube,

che spinge il tuo …

ed ecco che liberi,

 i freni delle tue inibizioni,

per vivere le tue emozioni.

Amare senza più desiderare,

amare per vivere,

una storia vera,

 nella realtà definita ma infinita,

perché il desiderio di amarci,

va oltre i limiti di un universo,

che non ha fine,

se non per ricongiungersi,

a dove tutto è nato.

Il nulla padrone dell’assoluto,

vola oltre il dovuto,

riconoscendo che dialogare,

prima di amare,

aiuta a credere che vivere,

ha un sapore che definire,

significa castigare,

fra due rime baciate,

lontano dalla verità,

di chi non rinuncia a vivere,

senza età.

© Copyright 2016 Raffaele Spera. All rights reserved.

Senza averne cognizione

tumblr_me9qasVvMi1r7q45ao1_500

Credere in ciò che non vedi,

è difficile o improbabile,

accettare e non capire,

quello in cui non credi,

non è della umana comprensione,

quando la nostra vita,

ha una sua ragione.

Se sognare aiuta a vivere,

Illudere la propria identità,

non aiuta che ad affossare,

la nostra dignità.

Sorridere alla vita,

non ci allontana dalle riflessioni,

che essa c’impone,

in troppe situazioni.

La solitudine è un telo gelido,

che avvolge l’anima senza convinzione,

così come non c’è ragione,

che spieghi certe situazioni.

I dubbi e le incertezze,

fanno parte dell’amarezze,

ma l’incomprensione,

non conosce la ragione,

ed ecco che ci si perde,

nel labirinto dei perché,

dove ad ogni varco,

 si cerca la risposta,

ma vivere è accettare,

che ogni cosa abbia il suo corso,

perché come ogni fiume d’acqua,

finisce in una raccolta,

 della stessa natura,

cosi le parole cadono,

nel vuoto della ragione,

quando non hanno alcuna connessione,

 con certezza e verità,

se sono nate dall’illusione,

di conoscere la vita,

senza averne cognizione.

© Copyright 2016 Raffaele Spera. All rights reserved.

Le nostre scelte

Volo-

Spaziamo con la mente,

liberi da ogn’impedimento,

lasciamo viaggiare i nostri pensieri,

senza binari che li tengano,

stretti e vincolati,

ad idee che non ci appartengono.

La liberta di vivere,

è l’espressione di un essere,

alla ricerca di una sua identità,

che ancora non sa,

ed immagina nel suo sapere,

di conoscere tutto del suo avere.

Chi crede di aver raggiunto,

la vetta della conoscenza,

è solo alla base della sua ignoranza.

Le vittime della speranza,

si allungano ad oltranza,

sulla scia delle illusioni,

di chi si lascia andare,

 alle insulse passioni.

Vivere il presente,

è l’unica verità,

giacché dopo un attimo,

già non ci apparterrà.

Viviamo il momento,

senza critiche ad un passato,

che di nostro ha le scelte,

errate, volute, costrette,

ci appartengono e sono immutabili,

ma se vogliamo ritrovare noi stessi,

non critichiamo gli assenti,

non vittimizziamo i presenti,

ma perseguiamo,

e solo alla fine sapremo,

qual è la parte giusta della vita,

se subirla o viverla,

senza accusare,

per soddisfare il nostro ego,

chi ha condiviso le nostre scelte.

© Copyright 2016 Raffaele Spera. All rights reserved.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: