Amare!

 

Vorrei incontrarti

perché ho qualcosa da dirti,

ho provato a sussurrarlo al vento

ma si è perso in un tormento,

l’ho gridato in un attimo di sgomento

ma dopo un gemito si è spento,

voglio dirtelo guardando

il contorni del tuo viso,

il colore dei tuoi occhi,

ascoltando il suono delle tue parole,

carezzando i limiti delle tue labbra.

Vorrei parlarti di uno strano turbamento

che mi pervade ogni istante

che penso a te.

Io non voglio dargli un nome

voglio goderlo così, senza dannarmi.

Una storia vive di se

quando non siamo alla ricerca

di calore ma solo di tepore

che solo un verbo può dare …

Amare!

 

© Copyright 2018 Raffaele Spera. All rights reserved.

Annunci
Published in: on 24 febbraio 2018 at 12:36  Comments (1)  
Tags: , , , , , , , , , , , ,

Abbiamo una sola possibilità per conoscere la felicità

Cammino sfiorando le nuvole

con i miei pensieri,

volo oltre il mio Io

alla ricerca profonda di me.

Tappa dopo tappa m’interrogo

su quanto ho già vissuto

raccolgo quello che resta del mio Se,

ancora pulsa e vibra

ancora si emoziona ad ogni visione,

lui non si pone domande

vive l’istante,

terso, ombrato, incupito,

non importa, lui vive della vita.

Meglio non porsi domande,

giusto è credere in ideali,

senza la ricerca di conferma.

Apriamo la nostra anima,

scopriamo cosa pulsa oltre il nostro cuore

non confondiamo l’amore con il piacere,

la vita è un essenza che si dimentica con l’assenza,

viviamo di quello che incontriamo,

oltre ogni montagna c’è un mondo

oltre il mare una nuova terra

ma la nostra vita resta una sola

valida per un tempo

oltre non ci saranno che i nostri ricordi

vissuti da chi ci ha amato e capiti.

Restami accanto e non temere

il difficile è quotidiano,

il godere è effimero,

l’ardore dura una manciata di secondi,

tutto quello che si prova si rinnova.

Vivilo ogni volta come la prima

e capirai il senso di un inutile domanda

non cercare certezze

unica è sola è sempre la stessa.

Abbiamo una sola possibilità per conoscere la felicità.

 

© Copyright 2018 Raffaele Spera. All rights reserved.

Una nuova nota di dolore

 

Viaggio alla deriva

nel mare della delusione,

quando una stella

 mi ha indicato un nuovo mondo

dove i sentimenti hanno un riscontro.

La vita amara vissuta

dalla mia esistenza è rifiorita sulla distanza,

oggi voglio vivere di te per te,

senza mai guardare

 cosa ho lasciato dietro di me.

Avevo sogni e speranze

naufragati in mondo di arroganza,

quello che ho dato mai è stato capito

ma io sono ancora pronto

per affrontare questa nuova avventura.

Questa è l’essenza di chi vuole vivere,

reagire al dolore con un nuovo amore,

chi perde cosa ha lasciato

avrà  tempo per riconoscerlo,

io vado avanti non aspetto nessuno,

ho già atteso inutilmente qualcosa

che pensavo fosse amore

invece è stata solo

 una nuova nota di dolore.

© Copyright 2018 Raffaele Spera. All rights reserved.

Quanto abbiamo a portata di mano.

Immagino di averti qui

mentro osservo il mio domani,

può un fiume senza delta

rincorrere il mare …

non credo per questo ti sussurro

non aspettare quel domani

vivere è semplice,

amare se stessi non è difficile

impara a respingere le apparenze

le parole sono parte di un espressione

ma il vero significato

resta sempre l’azione.

Il sole irradia calore,

la luna candore,

il tempo grigiore,

tanti colori, tanti sapori,

tutto è diverso in ogni momento

restare chi sei è puro ardimento.

Tu sei quell’immagine surreale

che vive una sua realtà in comproprietà,

tu sei mia ogni notte

quando la coscienza

abbandona il posto alla mia fantasia

e sono libero di stringerti a me

e condurti in quel mondo che nome non ha.

Qualcuno lo definisce incanto,

io lo chiamo la porta accanto

perché spesso cerchiamo

nel posto sbagliato

quanto abbiamo a portata di mano

 

© Copyright 2018 Raffaele Spera. All rights reserved.

 

 

 

 

 

 

 

Fino a restare vittima del pentimento

Io non ti vedo, non ti sento

eppure ti leggo dentro di te

non credere sia facile per me,

vago negli anfratti della tua anima,

alla ricerca di parole sopite

ma conservate nel tuo tepore

perché la vita ci ha negato d’amare

ma mai l’amore.

Io rifiuto di credere

 che il nulla sia sorto attorno a me

eppure non vedo che te

ma ogni abbraccio genera vento.

Sei tutto e nulla

sei mia nella mia fantasia

assente nella mia realtà

un dramma senza età.

La vita non mi ha dato tanto

ma con te mi ha privato di quanto

ho sempre desiderato e mai avuto.

Corri da me non temere,

amare si, può far molto male

ma senza questo sentimento

che senso può avere il vivere

se non un continuo diniego

fino a restare vittima del pentimento.

 

© Copyright 2018 Raffaele Spera. All rights reserved.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: