L’attimo di cui vivere

 

Ti ascolto quando in silenzio mi guardi,

ti ammiro mentre l’acqua scivola via,

lasciando traccia sulla tua pelle

che amo ardire

asciugandola con i miei baci.

Questi sono i momenti

in cui l’amore sorride,

quando il tepore diventa calore

e insieme cerchiamo,

l’attimo di cui vivere.

 

© Copyright 2020 Raffaele Spera. All rights reserved.

Con chi ha già pagato

Vado incontro alla fine,

di un percorso infinito

dove perde, chi ha donato

e vince chi non ha osato.

Rinchiusi in un abbraccio

restano i miei vissuti,

pensieri liberi di sognare

rapiti in un attimo d’amore.

Chiudo gli occhi per vivere

ciò che mi è stato negato.

La vita salda il suo debito

solo con chi ha già pagato.

 

© Copyright 2019 Raffaele Spera. All rights reserved.

Ti aspetto qui

Ti aspetto qui,

dove mi hai lasciato,

dove ho conosciuto la luce,

prima della penombra in cui vivevo.

Ti aspetto qui,

dove mi hai promesso,

sole, mare, cielo e stelle,

ma non ho avuto alcun tepore,

ne ho mai conosciuto l’amore.

Ti aspetto qui,

per ritornare nell’oblio del nulla,

dove il silenzio è sovrano

e la notte è la sua cortigiana.

 

© Copyright 2019 Raffaele Spera. All rights reserved.

Un calice d’amore.

 

Se solo per un attimo

tu mi avessi creduto,

oggi nulla sarebbe perduto.

Il sorriso dell’innocenza,

il primo volo di una farfalla,

il sapore del nettare della vita.

Tutto questo non sarebbe proibito!

Oggi due stelle scivolano sul tuo viso,

le raccolgo fra le mie labbra

e le abbraccio nel mio sorriso.

Ti stringo a me

con la tenerezza con cui ti ammiro,

e ti rubo un tenue sospiro.

Un bacio è una carezza d’amore

dove chi dona riceve

l’immagine più dolce del tuo candore.

L’essenza di tutto è un calice d’amore.

 

© Copyright 2019 Raffaele Spera. All rights reserved.

Oltre la nostra realtà

Giocavo con granelli di sabbia

quando un colpo di vento, me li ha rubati,

sono stato incapace di raccoglierli tutti

ma senza saperlo ho superato la mia realtà,

e sono approdato oltre la verità,

dove nulla è materia e tutto è energia,

dove la forma è pura fantasia

e la notte si è arresa alla luce.

La serenità è assoluta,

ogni confine è abolito

ogni visione è reale,

perché sei libero d’immaginare

e tutto è amore.

La vita è un sogno finito

mentre l’infinito

è la meta ambita

che vige oltre la nostra realtà.

© Copyright 2019 Raffaele Spera. Allrightsreserved.

Pensaci

In compagnia del tuo ricordo

guardo la mia vita,

osservo le mie ultime ferite,

quelle lasciate dalla nostra storia

distrutta da un mio errore.

Inutile parlare davanti all’amore,

lui non giudica ma condanna

in nome della sua purezza.

Riconoscere i propri errori

non evita la durezza dei tormenti

ma rinnovo il mio perdonami.

Se ho agito e non ho riflettuto,

se con te ho perduto

la parte più bella della nostra vita,

vissuta alla ricerca di un sentimento di valore.

Io non cerco attenuanti per le lacrime che ho versato,

per i sogni che ho perduto,

per il mio grido di dolore regalato al vento,

mai vissuto un maggior tormento

ma non avrò pace in eterno,

senza il tuo perdono.

Mi hai umiliato con le tue parole,

insultato con la tua morale,

respinto il mio amore,

immolato questa storia mai vissuta

nella sua piena realtà.

Oggi navigo senza meta in un mare di dolore

non cerco isole per approdare

voglio restare in mezzo al mare

perché i sogni nessuno me li può rubare,

e io non posso smettere di sperare

di ritrovare il mio Amore

qui dove la vita l’ha vista nascere …

il suo mare.

Perdonami per il dolore che ti ho dato,

io non ho smesso un attimo

di rinnegare il mio passato,

vorrei esserti accanto

per asciugare le tue lacrime con un mio bacio

dirti che ho sbagliato ma non era voluto.

Perdonami per quanta sofferenza ti ho provocato,

io non ti ho mai tradito

ho solo sbagliato l’uso delle parole

e se vuoi … pensaci.

© Copyright 2018 Raffaele Spera. All rights reserved.

La tua vita alla mia

Il tempo mi ha trasformato,

la tua vivacità contagiato,

sentirti vivere e crescere in me

è stata la consacrazione

della mia adorazione.

Nove mesi di attesa,

hanno maturato

la mia rinascita,

il tuo primo vagito

mi ha realizzato mamma,

ma quando ti ho avuto

tra le mie braccia,

avidamente e ansimante

hai cercato le mie mammelle,

per darmi il tuo primo bacio.

Amore la mia prima parola,

sentire il mio nutrimento

fluire nella tua bocca,

mentre le tue dolci labbra

succhiavano generosamente

dal mio capezzolo,

mi ha donato un immenso piacere,

espressione dell’amore

che giorno dopo giorno

univa la tua vita alla mia.

 

Copyright 2018 Raffaele Spera All Rights reserved

 

Conosce il dolore interiore

 

Ehi … dico a te,
guardami e non farmi domande,
balla con me devo farti comprendere
ciò che voglio da te.
Voglio chiederti cosa provi per me
se ancora pensi che quello che ci lega
sia un sentimento e non un godimento,
fai luce in te ed in me
perché le tue risposte daranno luogo a scelte
amare, difficili ma necessarie.
Ho acceso tutte le stelle
per dare luce a questa storia
che sa di passato ma è senza sapore.
Vivere è qualcosa che slega
i sogni dalla realtà,
tu non potrai mai capire
cosa voglia dire amare,
se non conoscerai le tue pene interiori
che non sono fiori di un prato,
belli da guardare e facili da cogliere.
Sono lacrime amare
che non conosceranno la nuda terra,
perché chi piange per amore
conosce il dolore interiore.

© Copyright 2018 Raffaele Spera. All rights reserved.

Vissuto in pochi istanti

Lasciami i tuoi ricordi,

rubami una speranza di vita

adesso che è finita.

Ho spento l’ultima luce

che tracciava quel momento

in cui salivo verso il piacere

per donare a te il mio amore

in cambio del tuo godimento.

Vivere è l’esperienza che nessuno può ripetere

perché il vivere è il sogno dei tanti

vissuto in pochi istanti.

 

© Copyright 2018 Raffaele Spera. All rights reserved.

In un gemito d’amore

Aiutami a trovare il paradiso,

so che esiste ma non so dove lo troverò,

seguo una scia di vita

che viene da te,

guardami senza sfiorarmi,

desiderami senza toccarmi,

usa una piuma per carezzarmi,

frena il tuo ardore e lascia che sia il tuo amore

a vivere per te.

So bene che è solo quel momento in cui i sensi,

raggiungono gli apici della galassia del piacere

per poi scemare senza soffrire

ma voglio che il tempo si fermi,

quando si stringeranno le nostre mani,

nell’attimo i cui i nostri corpi si fonderanno

e la gioia si trasformerà

in un unico gemito d’amore.

© Copyright 2018 Raffaele Spera. All rights reserved.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: