La tua vita alla mia

Il tempo mi ha trasformato,

la tua vivacità contagiato,

sentirti vivere e crescere in me

è stata la consacrazione

della mia adorazione.

Nove mesi di attesa,

hanno maturato

la mia rinascita,

il tuo primo vagito

mi ha realizzato mamma,

ma quando ti ho avuto

tra le mie braccia,

avidamente e ansimante

hai cercato le mie mammelle,

per darmi il tuo primo bacio.

Amore la mia prima parola,

sentire il mio nutrimento

fluire nella tua bocca,

mentre le tue dolci labbra

succhiavano generosamente

dal mio capezzolo,

mi ha donato un immenso piacere,

espressione dell’amore

che giorno dopo giorno

univa la tua vita alla mia.

 

Copyright 2018 Raffaele Spera All Rights reserved

 

Annunci

Senza di te

 

Se ti cerco è perché ti voglio.
Se ti guardo è perché mi piaci.
Se ti bacio è perché ti amo.
Ma non chiedermi perché …
non accetto di vivere senza di te.

 

© Copyright 2018 Raffaele Spera. All rights reserved.

 

Published in: on 12 agosto 2018 at 18:46  Lascia un commento  
Tags: , , , , , ,

Il respiro in un bacio

Hai mai provato a carezzare le nuvole

o valicare i tuoi pensieri

superare la tua ombra,

puoi nascondere il dolore

velare un sorriso

ma non tacere all’amore.

Il tempo ci si illude d’ingannarlo

ma la vita non si può che viverla.

Arrendersi non significa

accettare la sconfitta

ma scegliere la trama da dare

a una storia senza finale.

Io voglio mi appartiene,

il difficile è esprimere

quello che nessuno vuole sentire.

Amare è un intreccio di sospiri,

di mani e corpi,

baci e abbracci … dolci, suadenti,

amare è condividere

il respiro in un bacio.

 

© Copyright 2018 Raffaele Spera. All rights reserved

Senza pentimenti

Mi guardi senza parlare,

ascolto il tuo silenzio

raccolgo le tue lacrime,

rubo i tuoi respiri,

valico ogni consenso

senza il tuo assenso …

Immobile attendi un mio commento

ma lascio a chi sa dialogare,

cos’è che ti tormenta

se non il rifugio delle parole

dove un eco fa rumore

e ogni attimo ha un nuovo sapore.

Io ho voglia di amarti

desidero di te un bacio

che sappia di rose

vellutato, amorevole, delicato

ti ho donato ogni mio attimo

per riviverlo ogni momento,

amami non per godere

ma per vivere una storia senza tempo.

Le domande senza risposte

 lasciamole a chi non riconosce

l’esistenza dei sentimenti

senza pentimenti.

 

© Copyright 2018 Raffaele Spera. All rights reserved.

Amare per la prima volta

 

Eccomi a te vessale dell’amore,

un pargolo ti offre il suo cuore,

carezzami sul talamo del candore

così mentre ti guardo

ammiro i tuoi confini,

ma ciò che appaga il mio sguardo

stimola i miei sensi,

sei soffice come una nuvola,

candida come la luna.

Carezzo la tua pelle

con i miei baci,

traspiri sentimenti nel mentre

ergo un solo desiderio,

amarti non è più un mistero.

Cercata fra mille anfratti,

amata solo nei sogni

adesso è il  momento di viverli.

Una pausa tra l’eterno e il reale

sospesi da un bacio

le nostre mani s’intrecciano,

il sensuale gioco inizia,

lasciati guidare dal tuo amore,

amare è vivere ogni attimo

con tanta emozione.

La tua pelle mi ricorda le corde di un violino

che vibrano alle carezze di un crine di cavallo,

tu giaci in tutto il tuo ardore,

ma mi tengo stretto il tuo cuore.

Amare  non  è mai stato bello

come nell’attimo in cui,

tu conosci cosa significa amare

un uomo che brami non per passione,

un essere conosciuto nel vuoto

di una profonda ferita

arginata dal tempo

carezzata dalle sue parole,

tu cosciente di quello che vuoi

offri la porta della vita

a chi ti ha fatto rinascere

ed amare per la prima volta.

 

© Copyright 2018 Raffaele Spera. All rights reserved.

Un perché senza risposta

 

 

Oggi mi sento autore

e voglio creare l’amore,

cerco l’aurora per carpirne il colore,

che stenderò come base

sulla tela della vita,

nulla sarà mai cancellato,

un sorriso, un pianto,

un vagito ed il primo bacio,

nulla verrà dimenticato

ma tutto può essere modificato.

Il dolore può essere annullato,

dopo che si sarà consumato,

lasciate che ogni istante faccia il suo corso

è la vita che lo chiede

padrona della nostra età,

freno delle nostre ambiguità.

Vivere o sognare

sei tu che cedi alle sue lusinghe

dimenticandoti di ogni dato,

lascia che il tutto sia annullato,

da ogni occasione senza ragione,

da ogni istante vissuto e poi perduto,

sei tu la vita,

sei tu il tuo governo,

nulla è scritto in nessun testamento,

il mondo ti appartiene

se riesci a governare la furia di un cavallo,

la lacerazione di un inganno,

un perché senza risposta.

 

© Copyright 2018 Raffaele Spera. All rights reserved

Vivimi con te

 

 

 

Regalami la vita,

basta un tuo sorriso,

guardami, stringimi,

abbracciami, baciami,

fa tuo il mio silenzio.

Ascolta la luna,

ti narra una storia,

vera e reale,

parla di un uomo infelice,

che vive senza sogni,

un essere fiero che tace,

perché raccontare del suo dolore,

non gli si addice.

Fai tua la sua anima,

e la sua forza che ammira.

Cosa c’è nel vuoto di un perché,

se non un silenzio senza domande,

amo le tue labbra,

nuvole di vapore,

colorate dal sapore dell’amore,

vissuto ogni volta,

che mi fai dono di un tuo bacio.

Vivimi senza sognare,

io conosco l’altare di un sogno,

aiutami a credere ancora nell’amore,

creato dai sentimenti,

dove ogni cosa,

non è data dal tempo,

dove gli attimi sono visioni.

Vivimi con te!

 

Copyright 2017 Raffaele Spera. All rights reserved.

Dove tutto era stato violato

index

 

Quando l’ultimo attimo di vita,

sarà ancora mio,

un pensiero sarà ancora tuo,

sappi che non smetterò di viverti,

sin quando avrò bisogno di te,

che sei il senso dei miei perché.

Vedrò in quell’attimo,

la fuga dei ricordi,

che come onde del mare,

si rincorreranno,

senza un attimo di sosta.

Vivere attimi d’amore,

spoglia la mia anima,

dal nudo dolore,

rincorrendo la meta più ambita.

Scivolano le mie dita,

sulla tua pelle,

alla ricerca di nuove sensazioni,

per regalarti nuovi sospiri.

Scriverò con una penna speciale,

i nomi più belli,

che ti ho donato,

ogni volta in cui ho capito,

che carezzare è il primo modo di amare.

Io non voglio rubare i tuoi sentimenti,

tu non devi vivere di pentimenti,

ogni attimo mio sia tuo,

come le parole che ti rubo,

ogni volta che ti bacio,

sfiorando le tue labbra,

con la mia umida lingua.

Voglio preparare ogni anfratto,

senza renderlo astratto ma reale,

perché l’amore si vive,

 e non si sogna come un bisogno.

Lascia che ti scriva cosa sia amare,

rendendo talamo dell’amore,

ogni luogo in cui siamo liberi di dare,

ognuno quello di cui sa amare.

Il male minore è il colore,

sbiadito dal tempo,

che non attinge più nei sentimenti,

ma nei suoi pentimenti.

Vivimi, senza sosta,

senza aspettare che il tutto,

sia la posta da pagare,

 per rendere unico questo colore,

dove i nostri corpi, fusi in un abbraccio,

si chiudono conoscendo il volere,

di due esseri lasciati e amati,

da una nuova anima,

rinata dalle ceneri del passato,

dove tutto era stato violato.

© Copyright 2016 Raffaele Spera. All rights reserved.

 

Rende vero il sentimento

tumblr_m98250uUig1rvxteao1_500

Un viaggio senza fine,

inizia quando chiediamo,

alla nostra vita le risposte,

ai tanti perché del vissuto.

Saremmo più sereni,

 se impariamo ad accettare,

che molte risposte farebbero più male,

del silenzio in cui il dolore  vive.

Ogni volta che cerchiamo,

 di dare una risposta alla libertà,

di vivere ed amare,

che prorompente vuole nascere,

dentro di noi,

per ricordarci che siamo ancora vivi,

acutizziamo la nostra sofferenza.

Questo sentimento con mille colori,

che assume di se il voluto,

per cancellare il perduto.

Tra le cose,

 che non potremo mai annullare,

consideriamo i sogni perduti,

i momenti mai vissuti,

il sorriso di un bimbo mai nato,

il desiderio di un giorno diverso,

in cui troviamo la nostra solitudine,

diluita nel nostro pianto,

perché liberarsi del dolore,

è il modo migliore,

per risorgere e rinascere,

ad una nuova storia.

Il passato c’insegna,

la realtà ci consegna,

le verità mai volute,

anche se conosciute.

L’essere umano

 non è nato per compiangersi,

ma per rivolgersi,

a nuove vette, a nuove mete,

se vuole ascendere alla vita.

Io non ho scelto di piangere,

perché il dolore che sempre vive nell’amore,

c’insegna che la sofferenza,

è quel pozzo da cui attingiamo,

nei momenti critici,

quella forza interiore,

misconosciuta ai più,

che sembra mutarci.

Chi crede in se, crede nella vita,

vive nell’amore anche se con dolore,

perché a nessuno è dato di avere,

senza poter donare,

il sapore di un bacio,

che spegne le parole,

e rende vero il sentimento.

© Copyright 2016 Raffaele Spera. All rights reserved.

 

Il diritto di vivere

bebe-bianco-nero

 

Io non ti ho mai chiesto nulla,
e mi hai privato dal gustare tutto.
Tu non hai mai conosciuto,
il mio viso ed il mio sorriso,
non hai mai,
sentito il battito del mio cuore,
non hai mai percepito,
il calore del mio corpo,
sentito un mio vagito,
ascoltato una mia parola.
Tu non conoscerai mai,
il colore dei miei occhi,
il piacere di un mio abbraccio,
l’amore che ti voglio,
senza averti ancora visto.
Mi hai privato di un respiro,
di tua una carezza, un tuo bacio,
di una semplice tenerezza,
del sapore del tuo latte,
del calore del tuo seno.
Mi hai tolto l’amore e l’affetto,
due doni che non si mendicano,
e non si acquistano.
Io non ho chiesto di esserci,
ma ero lì pronto a regalarti,
momenti indimenticabili,
che spero vivrai,
perché io non so odiarti,
ma solo amarti,
anche se mi hai tolto,
il regalo più bello,
che mi hai donato.
Io non so se ero lì,
in quel soffice vortice di tepore,
per capriccio o per amore,
io non ho chiesto nulla,
ero solo al buio,
perché ancora non vedevo,
ero solo ma non piangevo,
perché sapevo,
che quel rumore forte che sentivo,
e mi cullava notte e giorno,
era il battito del tuo cuore,
scrigno del tuo amore.
Io di te porto con me questo,
i rumori, le parole che non capivo,
ma percepivo mie,
perché ero dentro di te,
prima che tu,
madre mia, mi negassi …
il diritto di vivere.

 

© Copyright 2016 Raffaele Spera. All rights reserved.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: