Impreziosito d’infinito

 

Ti ho trovato

fra le pagine ingiallite

del libro della mia vita.

Eri adagiata fra due sospiri

in attesa di una lacrima e un bacio,

mi ha incuriosito la tua vivacità,

quella di una bambina senza età.

Mi sono accorto

di averti sfiorato

e ho raccolto il tuo invito,

me lo hai fatto

con uno sguardo e un sorriso,

degni di un estasi boreale.

In quest’alba il respiro rosato,

l’attesa di un sogno vibrato,

tra nubi, ambivo le vette …

destino impresso s’un quadro

impreziosito d’infinito.

 

© Copyright 2019 Raffaele Spera. Annamaria Pollina. All rights reserved.

Annunci

Vorrei viverti senza immaginarti

 

Vorrei avere il tempo che non ho

quello per dirti cosa provo e sento per te,

per raccontarti dei sogni che non ho mai vissuto,

del significato del perduto.

Vorrei farti ascoltare chi ti parla,

chi ti aspetta, chi ti cerca,

nei pensieri sparsi nelle pagine di un libro,

che non ho più la forza di scrivere,

perché ho perso la voglia di vivere,

la penna che guida ogni mia azione.

Vorrei viverti senza immaginarti.

 

© Copyright 2019 Raffaele Spera. All rights reserved.

Ti Amo

 

 

Voglio sfogliarti,

non come le pagine di un libro

ma come i petali di un fiore,

uno alla volta, per giungere al cuore.

Al suo cospetto mi fermerò

e gli dirò …

Se tu sei il profumo che stimola i miei sensi,

l’onda che mi travolge, ogni volta che mi guardi,

il vento che mi carezza,  quando mi volgo al tuo richiamo

sarai senza parole quando ti sussurerò … ti amo

 

© Copyright 2018 Raffaele Spera. All rights reserved.

Ti Amo

Voglio sfogliarti,

non come le pagine di un libro

ma come i petali di un fiore,

uno alla volta, per giungere al tuo cuore.

Al suo cospetto mi fermerò

e gli dirò …

Se tu sei il profumo che stimola i miei sensi,

l’onda che mi travolge, ogni volta che mi guardi,

il vento che mi carezza, quando mi volgo al tuo richiamo

sarai senza parole quando ti sussurerò …

ti Amo.

 

© Copyright 2018 Raffaele Spera. All rights reserved.

Il riconoscere il proprio Se

527354297

Pagine di vita da scrivere,

sono attimi da vivere,

la semplicità madre della realtà,

saprà scegliere,

la giusta strada verso la serenità.

Utopistico esistere,

succubi del proprio ego,

vittime del nostro io,

siamo essere superiori,

alla loro volontà,

dimostriamolo a noi stessi,

ribaltando la realtà.

Ci vuole coraggio per vivere,

le proprie pulsioni,

mentre è semplice lasciarci andare,

in balia delle contrarietà,

che s’incrociano sul nostro cammino.

Il tutto sembra facile a parole,

anche se è difficile approdare,

in un porto a mare aperto,

quando le forze della natura,

remano contro,

in modo avverso.

Ricordiamoci …

chi pilota la nostra vita,

è la forza che è in noi,

il destino è dei vigliacchi,

la paura degli sciocchi,

la realtà è sinonimo di avversità.

Tiriamo le somme,

delle nostre aspirazioni,

senza nascondere,

 le nostre apprensioni.

La vita si vive nella sua totalità,

senza risparmiarci,

senza nasconderci,

dietro le nostre lacrime,

dietro l’indecisione,

facendo nostra,

 ad ogni occasione,

la scusa del momento,

per paura del nuovo avvenimento.

La vita si vive una sola volta,

la seconda è l’illusione dell’ignorante,

che ancora crede,

che rinascere sia resuscitare,

mentre è solo,

il riconoscere il proprio Se.

© Copyright 2016 Raffaele Spera. All rights reserved.

Un attimo vissuto e lasciato al vento

CLESSIDRA

Volano le pagine del mio libro,
la mia penna non scrive più,
la mia mano è stanca,
di lanciare messaggi,
guardo in faccia la realtà,
e realizzo che nulla più, ho da fare,
solo arrendermi ed aspettare,
che l’ultimo granello della clessidra,
raggiunga il suo deserto.
Se ogni granello è un pensiero,
la mia non ne ha più,
esaurendo le speranze,
ho ucciso l’illusione,
quella di un essere,
che gridava al tempo,
tutto il suo tormento,
per non aver mai vissuto,
ma solo offerto all’altrui,
ogni piacimento.
Se vivere è assistere alla propria,
sconfitta morale,
al suicidio dei sentimenti,
non sull’altare dei pentimenti,
ma contro chi non sa capire,
che vivere non è assorgere,
alle prime luci del mattino,
una maschera nuova,
con l’impronta del sorriso.
Vivere è godere ogni attimo,
di compiacersi per la propria realtà,
non sperare che qualcosa accada,
e questo non è segno di viltà,
per chi ha combattuto contro l’ipocrisia,
di coloro che gli sono stati accanto,
solo per soddisfare la loro bramosia.
Vivere è la storia senza tempo,
di chi ha fatto del momento,
un attimo vissuto e lasciato al vento.

Sulle pagine della vita.

images

Una pagina bianca, è il foglio della vita,

una carta alquanto strana,

che ti consente, di scrivere e cancellare,

le parole di cui vivi.

La gomma, è fatta dalla tua volontà,

la penna, dalla tua voglia di vivere,

la carta, dai tuoi sogni,

stropicciati dalla realtà,

ripiegati e poi ripresi,

nella speranza, di vederli realizzati.

Questo libro, senza numeri,

ma con tante pagine,

vuole raccontarsi, a chi lo sa leggere,

vuole aprirsi, a chi lo sa apprezzare,

perché non sempre leggere,

ha un suo valore.

Le parole, da tempo sono note,

che trasmettono sensazioni,

adagiate su una sorta, di nuvola bianca.

Esse servono, a descrivere le nostre emozioni,

servono a narrare, le nostre sensazioni,

servono a trasformare, il dolore in amore,

perché non c’è amore, che non nasca dal dolore.

Vuoi tu, la vita viverla, oppure rincorrerla,

attraverso i sogni, le false illusioni,

attraverso il tempo, mendace corruttore,

che cerca di lenire o gioire,

semplicemente aspettando,

che il desiderio sia l’ultimo a fluire.

Il desiderio di vivere, di dare,

quello di amare e ricevere,

è la forza arcana, che stira queste pagine,

che adagia le parole, su queste pagine,

la reale verità, è quella che racchiudiamo,

nella nostra intimità,

dove nessun segreto,

 potrà mai essere violato,

se non saremo noi a sacrificarlo,

 sulle pagine della vita.

© Copyright 2013 Raffaele Spera. All rights reserved.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: