Impreziosito d’infinito

 

Ti ho trovato

fra le pagine ingiallite

del libro della mia vita.

Eri adagiata fra due sospiri

in attesa di una lacrima e un bacio,

mi ha incuriosito la tua vivacità,

quella di una bambina senza età.

Mi sono accorto

di averti sfiorato

e ho raccolto il tuo invito,

me lo hai fatto

con uno sguardo e un sorriso,

degni di un estasi boreale.

In quest’alba il respiro rosato,

l’attesa di un sogno vibrato,

tra nubi, ambivo le vette …

destino impresso s’un quadro

impreziosito d’infinito.

 

© Copyright 2019 Raffaele Spera. Annamaria Pollina. All rights reserved.

Annunci

Mai dire è finita

Ho scelto il silenzio,
padrone assoluto dei miei dialoghi infiniti
in cui la mia anima si esprime
quando ti ammiro
e raccolgo ogni tuo sospiro.
Immagine sfumata senza limiti
perché non voglio elevarti
ad un rango suadente.
Tu sei una realtà onnipresente
quando raccolgo i tuoi umori
in un vortice di passioni.
Tu sei l’unica verità della mia vita
vissuta senza mai dire è finita.
Copyright 2018 Raffaele Spera All Rights reserved

Non ha più volontà

 

Raccontami del tepore

che traspira dalla tua pelle,

raccontami di te

che sai già tutto di me,

immagina un fiore,

al massimo del suo splendore,

emana colori e odori,

che inebriano a distanza,

senza alcuna tracotanza.

Osservami quando ti ammiro,

ogni mio sguardo è un sospiro,

davanti alla tua bellezza,

cadono i veli del mio timore,

e fai di me la terra feconda

dove il tuo seme germoglierà.

Amami senza domande,

carezzami senza perdermi,

baciami senza rubarmi il respiro,

trasforma la mia paura

in una notte oscura

dove la luna ci sorprenderà

avvolti tra le braccia

di chi non ha più volontà.

© Copyright 2018 Raffaele Spera. All rights reserved.

Il tuo primo Bacio

Hai chiesto, agli occhi miei,

di privarsi per un momento,

della tua beltà …

è stato il più bel attimo,

della mia esistenza,

perchè il sospiro della vita,

 ha sfiorato le mie labbra.

Un sublime tepore,

per un attimo,  le ha velate,

avrei voluto, tanto  ricambiare,

ma fedele alla parola data,

ancora una volta,

ho subito l’ennesima ferita,

nel nome della fedeltà.

Avrei voluto gridarti,

ti voglio bene,

ma ti hanno detto di più, i miei occhi,

in cui tu, ami perderti,

alla scoperta di un’ anima,

che per te non avrà mai segreti.

© Copyright 2010 Raffaele Spera. All rights reserved.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: