Il tuo vuoto

Osservo quello che i miei occhi rapiscono

cosa potrò mai sperare

da un inimmaginabile senza parete,

nel cui interno c’è un mondo

 senza alcuna definizione.

Vi cerco qualcosa che va oltre

 il banale universo in cui esisto,

non serve sperare senza lottare,

combattere senza evadere,

inutile tentare di creare

se  quello che cerco di riempire

è  l’immenso dentro di me.

Guardo uno spazio avanti affinché

sia essenza di verità,

vorrei dare un senso alla mia realtà

e solo allora capirò

che riempire quello che mi sovrasta

altro non è che il tuo vuoto.

© Copyright 2019 Raffaele Spera. Allrightsreserved

 

Annunci

Poesia tua

Voglio lasciar vagare la mente

ingannare i miei pensieri

dimenticare il mio dolore,

così raggiungerò la pace

dove ogni senso tace

e avrò realizzato che per vivere

bisogna abbandonare il passato,

per gustare il presente.

Ascolto il tuo silenzioso dolore

mentre mi leggi sento l’odore

della tua voce,

non scappare, non puoi,

non questa notte che so di seta e tu di follia.

Se solo tu potessi sentirmi,

se solo potessi averti,

tra le mie braccia per un attimo,

darei spazio alla mia follia d’amore

che nasce con te, vive di te e si nutre di te.

Chiudi gli occhi baciami

e nello stesso istante sorridimi.

Sono pronta a sorriderti,

sono pronta a mostrarmi, attraversarti, disegnarti.

Adesso dimentica il buio

perché le mie dita sanno di poesia

poesia tua.

© Copyright 2018 Raffaele Spera. Annamaria Pollina. All rights reserved.

La vita è una le scelte tante

Mi sono sempre chiesto

cosa significa volare,

oltre i limiti temporali

quando uno spazio senza limiti,

cerca di contenere concetti definiti.

A molti di voi sembrerò un folle

ma non lo sono

pongo solo la definizione di mondo.

Ascolto, chiudo gli occhi e scrivo

le parole non hanno legami

frutto di un nuovo domani,

cercano di respirare,

aromi nuovi …

la vita m’impone di cercare risposte

io invece cerco domande

perché le risposte sono frasi di comodo

che ognuno rincorre

per il suo piacere personale.

Si ama incantarsi,

 trastullandosi con la speranza

io amo mordere la circostanza,

non vivo di fantasia,

giacché ho sempre bandito l’ipocrisia.

. La vita è una le scelte tante!

 

© Copyright 2018 Raffaele Spera. All rights reserved.

La nostra esistenza

 

Vivere di ricordi

rende la vita malinconica,

aprirsi a nuove realtà,

rende vivi nella nostra età,

riconoscersi è importante,

bandiamo i sogni e le illusioni

se vogliamo conoscere nuovi orizzonti.

L’universo non ha un inizio ed una fine,

lo spazio è senza tempo,

riconosciamo i limiti di una mente,

apprezziamo i sentimenti

e vivremo giammai di tormenti.

Vivere è la strada dove nessuno sa dove porterà,

l’importante non è la meta

ma percorrerla senza la bramosia,

di una conoscenza che sovverta la nostra esistenza.

 

© Copyright 2018 Raffaele Spera. All rights reserved.

Un senso ad ogni perché

timori-e-ombre-d-i

Ogni spazio ha il suo tempo,

ogni momento il suo tormento,

ogni vita il suo cerchio,

mentre d’eterno c’è solo il nulla.

Il mistero dei tanti del passato,

che ognuno ha cercato,

e nel suo intimo mai trovato.

Lasciamoci vivere senza chiedere,

senza cercare di sapere,

il perché delle nostre scelte.

Esse stupide o sbagliate,

sono ormai parte,

di noi, dei nostri vissuti.

Il tempo ha una sua definizione,

che piaccia o meno è perfezione.

Lasciamo che i nostri pensieri,

volino via da noi,

siano loro a cercare,

 quello che vogliono sapere …

nulla aggiungerà alla nostra sofferenza.

Si vive dando un senso,

all’esistenza senza penitenza,

alla passione senza condivisione,

all’amore con il dolore,

alla vita che ci lascia,

alla consapevolezza che nasce in noi,

ogni volta che evitiamo,

di porci domande.

Il nostro ego ed il nostro io,

 combattono il nostro se,

al solo scopo di dare,

 un senso ad ogni perché.

© Copyright 2016 Raffaele Spera. All rights reserved.

Nasconde a se la verità

ragazza-finestra

 

Seduta sulla finestra dell’esistenza,
riluttante alla coerenza,
quando un bivio mi appare,
una nuova scelta da fare,
il coraggio di chi esplora,
anima l’avventura,
ma non ha spazio nell’anima mia,
dove tutto è ancorato alla realtà,
osservare ed ascoltare,
aiuta i miei sensi a risvegliarsi,
ammirare il silenzio,
nascondere i suoi rumori,
tra le pieghe dei miei pensieri,
non rapisce il mio interesse,
volto all’attesa di un segno,
che non sarà mai un impegno.
Vivere l’infinito è un sogno,
e giammai sarà mai un bisogno,
perché credere nella profondità,
di uno sguardo rubato,
di un bacio negato,
di un momento non vissuto,
non dona nulla alla realtà,
ma solo nasconde a se … la verità.

© Copyright 2016 Raffaele Spera. All rights reserved.

L’apice del vero

Angelica_A_0150

Aspetto che la luna raggiunga,

il suo massimo splendore,

mentre gioco con il candore,

della tua pelle,

sfiorandola con l’apice,

di un tenero fiore,

che attende le tue carezze,

per emergere al suo ardore.

Conosci l’amore,

quando lo vivi, lo provi,

lo ascolti, lo lasci scivolare,

dentro di te,

sorgente di vita,

 che ti aiuta a volare.

La tua mente si svuota,

le parole non fanno rumore,

lasciano spazio,

ad un estasi di puro volere,

dove il tutto soggiace al piacere,

di donare di se,

ogni attimo del proprio godere.

Il tempo governa l’esistenza,

ma non ha ragione dei sentimenti,

vivono di quello che rubano,

agli spazi chiusi e segregati,

delle regole improprie,

dove si soggiace,

contro il proprio volere,

all’altrui egoismo,

mentre cresce il desiderio,

di amare e vivere,

un amore senza tempo,

dove i fiumi nascono,

per non morire,

 fra le braccia del mare.

Anche quest’amore,

ribelle alle regole,

contro le ostinazioni,

di chi ci vuole succubi di padroni,

dei nostri pentimenti,

vorrebbe escludere in noi,

la rivalsa alla vita,

la vittoria finale,

di chi ha sacrificato,

ogni sua meta per raggiungere,

l’apice del vero.

© Copyright 2015 Raffaele Spera. All rights reserved.

 

Pensieri veri e sinceri

11363533524 (2)

 

Sono solo pochi attimi,

che ti ho lasciato andare,

ho ancora sulle labbra,

il sapore del bacio,

che mi hai donato,

lasciandomi senza fiato.

Ti osservo e t’immagino,

mentre ritorni al tuo perduto,

ma hai lasciato a me,

un ricordo di te,

che nessuno potrà portarmi via,

i giorni vissuti insieme a te,

che sono l’antitesi del nostro domani,

quello in cui non ci sarà spazio,

per i rimpianti, per il vissuto.

Il tempo perduto a donare,

chi non sa amare,

è solo un momento della vita,

in cui hai capito,

che l’amore è sentimento,

mentre tu l’avevi confuso,

con il misero godimento.

Ho tentennato molto,

prima di lasciare,

che l’acqua calda della doccia,

portasse via da me,

il profumo di te,

ma non le tue carezze,

quelle sono miei ricordi,

che mentre ti allontani,

mi fanno compagnia,

nell’attesa che tu torni a me,

per vivere con me,

non più di ricordi,

mai più di rimpianti,

ma di pensieri veri e sinceri.

 

© Copyright 2015 Raffaele Spera. All rights reserved.

 

Una cornice vuota.

images

Un  vuoto improvviso,

attira la mia attenzione,

rivolge a me tante domande,

 dubbi ed incertezze,

non fanno più parte di me,

 ho relegato la mia vita,

 alla mia anima,

non alle pagine di un libro.

Le parole lasciate al vento,

vanno al suo divertimento,

mentre noi rubiamo il tempo,

alla ricerca di noi stessi.

L’autostima nasce dal bisogno,

 di accettarsi come immagine allo specchio.

Le risposte non sono incorniciate,

che alla propria identità.

Nessun è in grado di sapere,

cosa domani avverrà,

se non una umile attesa,

senza scappare dalla realtà.

Vivo di questi concetti,

amo questo pensiero,

 senza chiedermi mai,

cos’è l’astratta felicità.

La mia mente non ha spazio,

 ne limiti finiti,

resta tale chi si arida,

 nella sua commiserazione,

perché il pensiero,

non si può racchiudere,

in una cornice vuota.

© Copyright 2015 Raffaele Spera. All rights reserved.

Destinate a vivere separate.

images

Rincorro le ombre,

 sulle mura di questa casa,

pur sapendo che sarà un viaggio,

in cui la speranza,

cozzerà contro l’ineluttabile realtà.

Io non raggiungerò  quel sogno,

che ha deriso il mio sorriso,

quello adagiato sul tuo viso,

che ho rubato con un bacio,

per tenerlo dentro di me.

Guardo fuori il buio,

che lentamente avanza,

racchiudendo dentro di se,

il dolore che la vita mi regala,

ogni volta che capisco,

che tutto è cambiato.

Tu non puoi rubare i miei sogni,

solo indugiare sul mio bisogno.

di amare con amore,

dal mio profondo del cuore,

chi non può che sperare.

La mia vita ha un suo corso,

e se faccio questo percorso,

non è per rubare spazio alla distanza,

ma solo per unire due anime innamorate,

destinate a vivere separate.

© Copyright 2014 Raffaele Spera. All rights reserved.

Published in: on 16 luglio 2014 at 16:23  Comments (4)  
Tags: , , , , , , , , , , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: