Il tempo è nemico delle assenze

Ti sarò vicino

ogni volta che ti allontanerai da me,

sarò tuo

ogni volta che mi dirai … ti Amo,

ti abbraccerò

il giorno in cui il tuo Se mi dirà di te,

piangerò con te

quando conosceremo la fine di quest’amore.

Oggi che abbiamo tempo,

per amarci e viverci

non lasciamolo scorrere via,

perché il tempo è nemico delle assenze.

Copyright 2018 Raffaele Spera All Rights reserved

Annunci
Published in: on 1 ottobre 2018 at 11:32  Comments (1)  
Tags: , , , , , , , , ,

Senza di te

 

Se ti cerco è perché ti voglio.
Se ti guardo è perché mi piaci.
Se ti bacio è perché ti amo.
Ma non chiedermi perché …
non accetto di vivere senza di te.

 

© Copyright 2018 Raffaele Spera. All rights reserved.

 

Published in: on 12 agosto 2018 at 18:46  Lascia un commento  
Tags: , , , , , ,

Ti Amo

 

 

Voglio sfogliarti,

non come le pagine di un libro

ma come i petali di un fiore,

uno alla volta, per giungere al cuore.

Al suo cospetto mi fermerò

e gli dirò …

Se tu sei il profumo che stimola i miei sensi,

l’onda che mi travolge, ogni volta che mi guardi,

il vento che mi carezza,  quando mi volgo al tuo richiamo

sarai senza parole quando ti sussurerò … ti amo

 

© Copyright 2018 Raffaele Spera. All rights reserved.

Ti amo sino ai limiti del tempo

13885716

 

Nulla accade,

se uno dei due non vuole,

il desiderio di amare,

nasce dal piacere di donare,

all’altrui un attimo di serenità,

una parentesi fuori dal tempo,

dove spogli della realtà,

ci si dona all’altrui voluttà,

per il piacere di condividere,

un sentimento che nessuno potrà,

mai far suo a metà.

Lascia sulla riva del passato,

le spoglie grigie della tua esistenza,

mentre ti lasci carezzare,

dalle mie mani,

che come il mare scivolano,

fra le tue pieghe,

che solo adesso,

respirano la verità ….

quella di vivere l’amore,

 senza alcuna proibizione,

senza alcuna costrizione,

perché questo sentimento,

non conosce il pentimento.

Sei distesa libera dall’attesa,

sulla riva che divide,

la fantasia dalla realtà,

socchiudi gli occhi ed attendi,

che le labbra mia,

sfiorino la pelle tua.

mentre io, come l’acqua del mare,

 scivolo lentamente su di te,

coprendoti di dolci carezze,

che generano generose sensazioni,

non futili perversioni,

che spariranno dopo l’amplesso,

e di loro ci sarà solo un vago ricordo,

perché chi vive alla ricerca del piacere,

non può conoscere e capire,

il dolcissimo significato,

 della parola amare.

Vivere senza conoscere rende felice,

chi fa del sesso la sua ragione,

ma distrugge chi fa dell’amore,

il suo essere.

Io sono il tuo amare,

che vuole scivolare,

 in ogni tuo angolo proibito,

dove mai si esprime la parola … ho finito.

Tu non sei un oggetto,

ma il senso puro dell’amore,

che voglio vivere,

attimo dopo attimo,

senza correre …

amare non è una gara verso il piacere,

ma una comunione di corpi,

dove le membra si fondono,

gemendo, sospirando e sussurrandoci …

ti amo sino ai limiti del tempo.

© Copyright 2016 Raffaele Spera. All rights reserved.

Un’unica vera realtà.

chagall-darabia-e-vissero-felici-e-contenti-L-UffG3a

Sono solo, in quest’angolo buio,

della mia vita ad ascoltare,

colui che ha voce, per pochi …

vi chiederete chi … il silenzio.

Io non temo di ascoltarlo,

sapevo, che un giorno, sarebbe accaduto.

Si può sfuggire, all’illusione del cambiamento,

asservendosi alla realtà, come forma di viltà,

ma non a quella della verità,

che all’improvviso ti stringe a se,

facendoti quasi soffocare,

non per toglierti il piacere divino,

ne per asservirti al tuo destino,

solo per parlarti, per rimembrarti,

quello che i tuoi occhi vedono,

quello che le tue orecchie ascoltano,

ma non percepiscono,

sono questi, i segnali della vita.

Un abbraccio, un attimo d’intimità,

ti regalano segni della realtà,

ti parlano e tu non ascolti,

ti carezzano, non reagisci,

ti sussurrano parole soavi,

che tu lasci vagare,

per poi lasciarle andare.

Hai paura della novità,

hai paura di soffrire,

ma non hai paura di morire,

vivendo senza amore.

La vita, come puoi tu, rappresentarla,

come potresti dire, di viverla,

se rinunci, alle sue lusinghe,

al suo richiamo, ai suoi … ti amo.

Il mezzo, non sempre è la parola,

per proferire l’amore,

spesso si proietta su di te,

con una luce velata dai perché,

ma ti poni mille domande,

e non vivi l’emozione.

Il suo, non vuole essere,

il canto di una sirena,

quando tu per lei, sei una pena,

un’immagine, d’immane sofferenza,

cui non c’è spazio, per la sua indulgenza.

L’amore si vive e non si comanda,

l’amore si gusta, nel pieno del suo sapore,

nell’attimo in cui il tuo … e il suo umore,

si sposano fra loro, nella calda intimità,

di un’unica vera realtà.

© Copyright 2013 Raffaele Spera. All rights reserved.

AMORE

Oggi, sono solo senza di te,

cerco di dare un senso,

a quello che vivo,

ma in questo mondo,

non mi è dato di amare.

Voglio vivere quest’amore,

sebbene alla fine, la sofferenza,

sarà la mia madrina, per l’eternità.

 Io sebbene, come te, odio i ricordi,

mi vedrò costretto a vivere, solo d’essi.

Vorrei non dire queste parole,

so che ti feriranno, ma dico quello che vedo.

Voglio solo sperare di sbagliarmi,

perché il mio dramma maggiore,

è il non riuscire a veder emergere,

la tua serenità, dopo di me.

Io mi sono legato a te e tu a me.

Come un’edera al muro,

sei riuscita a scavare, nella roccia del mio cuore,

sei riuscita a farmi dire … ti amo, con sincerità.

Mi hai fatto provare sensazioni, nuove

che ho solo e sempre sognato, oggi non più,

grazie a te le vivo e le percepisco mie.

TI AMO … TI AMO … TI AMO,

queste, due semplici parole,

si rincorrono,, con la tua bellissima e dolce immagine,

che avidamente, i miei occhi rubano.

Vorrei averti conosciuto prima,

ma credo che l’amore,

 per essere apprezzato, capito e vissuto

vada raccolto al momento in cui,

la nostra anima, ha maturato

la sofferenza, per poter accettare,

che amare vuol dire, vivere della serenità,

di chi piange in silenzio, per non turbare la tua.

© Copyright 2012 Raffaele Spera. All rights reserved.

Published in: on 15 ottobre 2012 at 21:49  Comments (3)  
Tags: , , , , , , , , , , ,

Vorrei.

b097c70ffb67451d6241d2be1f5a9082

Vorrei la luce per dirti … ti amo!

Vorrei la notte per dirti … sei mia!

Vorrei una vita con te per dirti perché

 mi sono perdutamente,

… innamorato di te.

© Copyright 2011 Raffaele Spera. All rights reserved.

Published in: on 28 settembre 2012 at 06:33  Comments (7)  
Tags: , , , ,

Non chiedermi perché.

Questa sera sono solo,

in compagnia dei miei perché,

osservo la luna, che si riflette su di me,

e lascio per un attimo,

la porta aperta della mia vita

mentre, un luce rompe il silenzio,

dove si erano rifugiati i miei sentimenti.

Una scelta voluta … no dovuta,

perché non sarò mai carnefice,

dell’altrui sofferenza,

che sotto sembianze improprie,

invade il mio silenzio.

L’amore e il bene sono la differenza,

che si esprime tra il vivere e l’esistere.

Io non faccio raffronti,

ma contro il mio costume,

sono chiamato a una scelta,

dove da un lato, osservo il piacere,

l’acronimo improprio, di una vita serena,

vissuta in attimi di serenità

e dall’altra, vedo la pigrizia e l’apatia,

di una storia arenata, sull’ipocrisia e falsità

di chi professa quello che non ha.

Io non ho alcuna incertezza,

sulla strada che desidero percorrere,

ma vorrei viverla e per farlo,

ho bisogno di te.

Angelo mio, ti amo ancora …

non chiedermi perché.

© Copyright 2012 Raffaele Spera. All rights reserved.

Le tue labbra.

Ho scelto quale tavolozza, per questo quadro,
i colori dell’arcobaleno,
nati dalle lacrime degli angeli,
quelle versate, senza dolore
vivendo il silenzio.
Scelta inutile … non c’era il colore dell’amore,
quello, me l’ha regalato la passione,
con lei è stato semplice
disegnare le tue labbra,
dove amo percorrere i tratti.
Solo quel colore, mi sa dare,
un’immagine alla sensualità,
alla dolcezza, che esprimi e mi regali,
ogni volta che siamo liberi,
da sguardi curiosi e spesso inopportuni.
Le tue labbra, protese verso le mie,
assumono, la forma della tua anima.
Tenere, soffici, piacevolmente mi ci perdo,
avidamente le sfioro, le carezzo,
rimarcandone i tratti, con la mia lingua.
I minuti scorrono, piacevolmente lenti
mentre le ore, ci sorprendono,
ancora a danzare, per amore e con amore.
Un bacio, altro non è che una prima promessa d’amore!
No … molto di più di una semplice promessa,
è la festa della passione,
che ha regalato il colore e l’essenza,
e con esso il sapore, il significato,
che non può perdersi, in una semplice promessa.
Le tue labbra per me,
sono ormai parte di me.
Spesso, volutamente dimentico,
e sono costretto, con grande piacere,
a ricercarle, perché non so vivere,
senza il sapore del tuo amore,
che nasce sulle tue dolci labbra.
Il nettare di cui m’inebrio,
non ha conferme in natura,
e niuna donna, saprà mai darmi l’amore,
che a ogni incontro mi regali,
ogni volta che sfioro con un bacio,
le mie … le tue … labbra.
Ti amo!

© Copyright 2012 Raffaele Spera. All rights reserved.

Published in: on 30 gennaio 2012 at 16:39  Comments (7)  
Tags: , , , , , , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: