Alla sua vita è legata

donazione_organi

Ho vissuto sospeso,

in compagnia dell’insonnia,

compagna dei miei incubi,

vissuti notte e giorno,

nel limbo dell’attesa.

Ogni squillo riaccendeva la speranza,

sebbene è dura da accettare,

che dovrai barattare,

la tua vita per la sua,

di un ignoto donatore,

che lascerà questo terreno,

regalando parte di se,

a chi attende per non superare,

la soglia del dolore,

dove porrà fine alle sue sofferenze,

nella certezza dell’ignoto.

La vita amara o dolce che essa sia,

ha un senso non cercato,

ma da noi desiderato …

viverla intensamente,

ma spesso rinnegata perdutamente,

nei momenti di assoluta perdizione,

ormai schiavi della sofferenza,

madre della nostra negligenza.

Vivo grazie a te,

vivo e ti ringrazio,

non conosco il tuo nome,

 e neanche il tuo vissuto,

non so dove riposi,

 ma un fiore ti è dovuto,

perché una parte di te,

 è dentro di me.

Mi accompagnerà alla rinascita,

del tempo speso in ogni senso,

alla ricerca di un assenso,

che mi portasse ad essere in lista,

per accedere ad un sogno,

che spero diventi di logica comune,

che con la morte si perde ogni diritto,

e restare legati alla nuda terra,

di un corpo senza vita,

 che rispetterà il dovuto aspetto,

che nulla va creato,

ma tutto trasformato,

quando concedendo,

 quello che a noi più non serve,

regaliamo la possibilità,

sperata e mai rinnegata,

di una nuova vita tanto agognata,

a un fratello umano,

non importa chi siamo,

ma la vita non deve rincorre l’esistenza.

Ognuno ha una meta,

sebbene il traguardo è comune,

si può vivere donando,

a chi soffre senza averlo desiderato,

a chi si affida alla coscienza,

di chi ha tanta pazienza,

di capire che il donato va regalato,

al fine di vivere,

 evitando il calvario di sopravvivere,

nell’attesa di una chiamata,

che alla sua vita è legata.

Copyright 2017 Raffaele Spera. All rights reserved.

Annunci

Rendere la serenità la nostra realtà

untitled

Ci sono, quando le tue stelle,

lasciano il tuo cielo,

quando il primo imbrunire,

ruba il tuo ultimo raggio,

quando le tue mani,

ti stringono a me,

per dire al mio corpo,

amami con la dolcezza,

che accomuna i tuoi gesti,

lascia in me il segno più bello,

quello di una nuova vita,

dove le speranze non sono parole,

dove l’esistenza è solo apparenza,

dove l’amarezza va respinta,

con assoluta fermezza.

Vivere è il piacere di amare,

il senso del dare a chi si ama,

senza nulla chiedere,

se non di vivere,

l’avventura della vita,

mano nella mano.

Quando una notte d’amore,

separa i nostri corpi,

nulla può separare,

ciò che due anime vivono,

nella loro intimità.

Vi è forse coraggio,

in chi fugge la sua realtà,

per vivere l’amore,

con occhi senza stelle,

ricchi di luce propria,

armonioso binomio,

tra esistere ed amare,

dove chi vive sono coloro,

che hanno il coraggio,

 di cambiare e non di mutare.

Ora non sei sola,

hai qualcosa di me,

che nessuno possiede più di te,

nulla che ognuno vede,

tutto è racchiuso in te,

fortezza della sincerità,

baluardo inespugnabile della falsità.

L’amore per essere vissuto,

deve donare dell’anima il contenuto,

se le parole non sono seguite dai gesti,

se il tutto ha il senso del momento,

allora non è un sentimento,

quello che ha fuso i nostri corpi,

ma solo un attimo di passione,

vissuto senza alcuna intenzione,

se non quella di compiacere i nostri sensi,

lasciandoci con l’amarezza di un abbraccio,

il cui contenuto è il vuoto,

che ci circonda.

Tutto ha un senso, uno scopo, un significato,

l’amore no … ha solo un traguardo,

rendere la serenità la nostra realtà.

La Serenità

Primi-passi-bambini-620x479

 

Un giorno inizierete a muovere i primi passi, nella vostra vita in un ambiente familiare, e la paura frenerà ogni vostro gesto sebbene l’incoscienza dell’età vi porterà a fare cose che non capirete, ma la vita va avanti e quando crescete, ricordatevi che da piccolo ogni volta che cadevate, non sempre c’era una mano affettuosa a vostro sostegno, spesso vi alzavate da soli e riprovavate a muovere i passi, con più sicurezza cercando di mantenere l’equilibrio, difficile per l’età e per la maturità degli apparati e delle strutture interessate.

Oggi, che di acqua di acqua sotto i ponti ne è passata, se avete ancora paura di muovere i vostri passi alla scoperta di un mondo diverso da quello in cui vivete o meglio vegetate, allora radicate nella mediocrità in cui, volutamente, vi siete arenati perché solo chi non teme di scoprire, di vivere, di soffrire potrà mai capire che la serenità non è una tappa della vita ma un suo traguardo e si sa che per raggiungere il traguardo, bisogna fare un percorso, arduo o meno, dissimile da tutti non importa ma vi accomuna che è fatto di tappe, dove vince chi lotta per quello in cui crede, aspira senza mai girarsi indietro a guardare il suo passato, che ormai non ha nessun valore … la vita è davanti a te se l’attuale non ti soddisfa … alzati e vai avanti.

Il coraggio di cambiare è di pochi mentre la viltà di vegetare è di tanti.

 

© Copyright 2015 Raffaele Spera. All rights reserved.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: