Pensaci

In compagnia del tuo ricordo

guardo la mia vita,

osservo le mie ultime ferite,

quelle lasciate dalla nostra storia

distrutta da un mio errore.

Inutile parlare davanti all’amore,

lui non giudica ma condanna

in nome della sua purezza.

Riconoscere i propri errori

non evita la durezza dei tormenti

ma rinnovo il mio perdonami.

Se ho agito e non ho riflettuto,

se con te ho perduto

la parte più bella della nostra vita,

vissuta alla ricerca di un sentimento di valore.

Io non cerco attenuanti per le lacrime che ho versato,

per i sogni che ho perduto,

per il mio grido di dolore regalato al vento,

mai vissuto un maggior tormento

ma non avrò pace in eterno,

senza il tuo perdono.

Mi hai umiliato con le tue parole,

insultato con la tua morale,

respinto il mio amore,

immolato questa storia mai vissuta

nella sua piena realtà.

Oggi navigo senza meta in un mare di dolore

non cerco isole per approdare

voglio restare in mezzo al mare

perché i sogni, nessuno me li può rubare

e io non posso smettere di sperare

di ritrovare il mio Amore

qui dove la vita l’ha vista nascere …

il suo mare.

Perdonami per il dolore che ti ho dato,

io non ho smesso un attimo

di rinnegare il mio passato,

vorrei esserti accanto

per asciugare le tue lacrime con un mio bacio

dirti che ho sbagliato ma non era voluto.

Perdonami per quanta sofferenza ti ho provocato,

io non ti ho mai tradito

ho solo sbagliato l’uso delle parole

e se vuoi … pensaci.

© Copyright 2018 Raffaele Spera. All rights reserved.

Annunci

Boccata di vita

 sigaretta (1)

Ho perso tutto ,

ma non ancora la voglia,

 di combattere, di vivere.

La vita ha una sua storia,

che vira  ogni  volta,

che si affronta  un nuovo perché,

non importa se troveremo la risposta,

ne le lacrime che verseremo,

le risposte saranno solo parole,

mentre le lacrime si asciugheranno,

negli occhi dove nasceranno.

Voglio combattere,

 la mia più grande paura,

di perdere l’ennesima battaglia,

 soffrire senza amare.

Il desiderio della vita è solo uno,

assaporare il sapore del mare,

l’amaro colore,

di chi è alla ricerca della sua,

conoscenza interiore,

per rifiorire nell’amore.

Vivrò a dispetto del dolore,

lotterò per fronteggiare il valore,

eviterò il tempo,

nemico immortale,

del silenzio ove mi rifugio.

La mia non è una resa,

ma solo una temporanea,

 conoscenza della mia verità,

mentre fumo la mia ultima,

boccata di vita.

© Copyright 2016 Raffaele Spera. All rights reserved

Nella sua totalità

pioggia d'amore

La mia vita mi costa,
il pagare delle mie scelte,
non sempre volute,
e spesso condizionate,
da ciò che mi circonda.
Vago sulla spiaggia,
sono libero dalle mie scelte,
spogliato dalle mie inibizioni,
mentre la pioggia mi frusta il corpo,
non mi retraggo a cercare un riparo,
voglio vivere la mia verità,
quello per cui sempre ho lottato,
l’unica vera identità,
che sposo senza ingenuità.
Alzo la testa al cielo,
e lascio che la salsedine del mare,
si fonda con quella della mia anima,
che esprime tutto il suo dolore,
davanti alla vastità della natura,
simbolo della vita.
Diamo spesso valore,
a pensieri futili senza domani,
incoraggiando la nostra disperazione,
sostando il nostro interesse,
su di una passione che brucia,
lasciando le sue ceneri al vento,
generatore del nostro tormento.
Adesso sono qui,
oltre il mare che cerco nell’aria,
il sapore perduto,
di un bacio avuto e gustato,
notti d’amore brevi,
dal sapore perduto
nel tratto di vita che mi hai donato.
Guardo l’infinito sperando,
che questo cielo nero,
dia spazio al sole di quest’amore,
celato dalla distanza,
violentato dall’altrui indifferenza,
amato senza confronti.
Amare non è mai comparare,
il presente con il passato,
ma vivere ogni attimo come unico,
perché ciò che non ci appartiene più,
può solo ferirci ma mai ucciderci.
Viviamo questa storia,
senza porci limiti,
espugniamo la rabbia della distanza,
annulliamo la riluttanza,
che ci sfibra e ci spinge,
verso il baratro dell’angoscia,
dove la foschia non ci consente,
di vedere oltre il dovuto,
facendoci temere tutto,
anche il perduto.
Amiamoci senza meta,
ma con un unico sogno,
viverci nel tempo, per tutto il tempo,
che quest’amore vorrà,
nella sua totalità.

© Copyright 2016 Raffaele Spera. All rights reserved.

Il mio nuovo mondo

femmes-noir-blanc-nb-95-img

Questa mattina ho voglia di ammirare l’alba,

so bene di farlo spesso,

e anche  oggi non mi chiedo

perché lo desidero come la vita.

Ho messo la sedia sul davanzale,

le mie cuffiette nelle orecchie,

per ascolare moonlight,

e la guardo con rispetto e ammirazione,

ma taccio ogni osservazione.

Lascio che  giunga al punto,

in cui con la sua luce illumini,

il mondo di questa realtà.

Vado al mio giaciglio,

ho voglia di riposare,

sono stanco di osservare,

questo formicaio senza regole,

che guardo e commisero.

La mia mente vi chiama da lontano,

e voi accorrete a me,

qualcuno mi prende la mano,

vi guardo senza parlare,

non ho più parole,

non ho più tempo,

se non quello che vi dedicherò,

Figli miei oggi è il momento di darvi,

un consiglio che vale una vita di sentimenti,

vissuti all’ombra dell’attesa.

Amate chi vi comprende e non chi vi capisce,

abbiate rispetto per la vostra dignità,

dedicate tempo alla persona che amate,

sempre oggi e mai domani,

ricordando le parole di un celebre,

che mi ha insegnato,

che i giorni inutili della vita sono due,

ieri perché già vissuti e domani,

che ancora non è presente,

vivi e ama oggi,

condividendo le gioie e i dolori,

con chi ti resta accanto,

ti ama e  ti rispetta.

Vestite sempre l’umiltà,

e affrontate con coraggio,

chi mente nella verità.

Dentro di voi ci sarà sempre un ego,

non lasciatevi vincere dalle sue parole,

sareste schiavi del raziocinio,

e vittime del sentimento.

La vita è un teatro,

e voi non siete attori,

non usate le maschere dei mentori,

ma lasciate trasparire,

la luce dei vostri visi,

lasciate i riflettori a chi non si accetta,

a chi rincorre le emozioni,

tra le mura di un albergo,

contando le stelle per dar loro valore.

Il perdono è di chi lo merita,

non la panacea del tradimento.

La vita è un dono,

il piacere una delizia,

la passione, la gioia di un’avventizia,

ma la realtà sarà sempre pura verità.

Commetterete tanti errori,

saranno meriti della vostra coscienza,

fatene tesoro e ciò che mai si dimentica,

sono le carezze di chi vi ha allevato,

curato e aiutato nei vostri primi giorni,

di chi ha pianto al vostro primo vagito,

di chi vi ha dedicato le sue ore,

anche quelle del riposo notturno,

l’affetto è una moneta da non lesinare.

Io sarò un ricordo che non tornerà,

ma vi sarà sempre accanto.

Accogliete con un sorriso chi amate,

ricordatevi che l’amore,

non ha sesso e non ha età,

mai disperarvi di viverne senza,

esso  è un essenza della vita,

che si riconosce nei valori,

e nel grado in cui li avrete ricevuti,

non temete mai di mostrali.

Chi si rappresenta senza,

è colui che non ha rispetto,

della propria dignità.

Sappiate che la vita non vi regalerà,

ma vi offrirà occasioni,

le scelte saranno vostre,

come le considerazioni,

chi vuole crescere si assume,

il peso delle sue responsabilità.

Non relegate agli altri,

i dogma del vostra Se,

seguitelo e troverete la pace che cercate.

La felicità è un istante,

la serenità uno scopo,

sappiate credere in quello che fate,

vivere è una avventura,

con una sola certezza.

Una lacrima lascia i miei occhi stanchi,

lentamente scivola verso il mio sorriso,

dove lentamente muore,

mentre i miei occhi si chiudono,

inizia il mio viaggio verso il buio …

il mio nuovo mondo.

© Copyright 2015 Raffaele Spera. All rights reserved.

Lentamente muore.

 8b1638cf19_4036981_lrg

Solo, nel vuoto del mio silenzio,

lascio scorrere le mie dita,

sulla tastiera della mia intelligenza,

cercando di comprendere,

la solitudine che mi assale.

Io non vivo senza ricordi,

non amo senza amore.

Illudersi non rende la realtà,

meno amara della verità,

ma ripiega solo i pensieri,

sulle ali della speranza,

cui non affido alcun sentimento.

Triste essere abbracciati dal dolore,

quando si desidera amore.

Il suo valore è figlio dell’anima,

chi ama dona e vive,

ma chi soffre per amore,

lentamente muore.

 © Copyright 2014 Raffaele Spera. All rights reserved

Tu mi aiuterai a viverlo.

1940234600

Guardo la goccia,

 che scivola su di te,

e mi accorgo di quello,

che la vita ha di bello.

Forse è tardi per vivere,

ma non per amare,

se la mia vita è legata a te,

nulla ci potrà più dividere.

Il perdono non è un dono,

ma una saggezza,

donata dalla fermezza, e se …

 chi lo riceve non sa apprezzarlo,

perisca nella sua ipocrisia,

e sia vittima della sua insolenza.

I sentimenti hanno un loro valore,

quando sono figli dell’amore,

ma quando a crearli,

è l’ipocrisia del momento,

l’unica espressione di ritegno,

è solo sgomento.

Io vivo per amare colei che è sincera,

come quella goccia salata,

nata come una rugiada,

che lentamente ti riga il viso.

Io non lascerò morire quest’amore,

perché tu mi aiuterai a viverlo.

© Copyright 2014 Raffaele Spera. All rights reserved.

Alla parola Vita.

bacio1

Ti chiedo, solo un bacio,

 e dopo, sarai libera di scegliere,

 se, seguire la passione,

 oppure, morire nell’illusione,

 che questo bacio sia,

un sogno, consegnato alla realtà.

La vita in parte, viene vissuta,

qualcuno l’ha goduta,

ma vi sono persone, che soffrono,

e pagano lo scotto, del loro Se,

nell’esser sensibili, come me.

Uno sguardo, può essere una carezza,

una parola, può saper di tenerezza,

un bacio postato, dove nasce il sorriso,

vuol dire, vita all’amore,

ma potrebbe, anche spegnere un ardore.

Reclino il capo,  mi avvicino a te,

ti guardo negli occhi,

tu, non chiederti perché,

aspetta che quest’alba, abbia la sua vita,

aspetta che questo bacio,

dia un senso alla mia.

Tu non puoi condannare,

la tua anima al dolore,

tu non puoi vivere,

lontano dall’amore,

paghi un prezzo, che lei non accetta,

tu sei fatta, per donare amore,

 tu sei fatta, per far vivere i sentimenti,

tu sei fatta, per dare un senso alla mia vita,

ma se la tua serenità,

segue una strada,

 che non accetta, la mia presenza,

regalami solo questo bacio,

non come pegno, ne come condanna,

non è questo il prezzo che io voglio,

per dire a te che amare,

è l’unica forma che da valore,

alla parola Vita.

© Copyright 2014 Raffaele Spera. All rights reserved.

Sulle pagine della vita.

images

Una pagina bianca, è il foglio della vita,

una carta alquanto strana,

che ti consente, di scrivere e cancellare,

le parole di cui vivi.

La gomma, è fatta dalla tua volontà,

la penna, dalla tua voglia di vivere,

la carta, dai tuoi sogni,

stropicciati dalla realtà,

ripiegati e poi ripresi,

nella speranza, di vederli realizzati.

Questo libro, senza numeri,

ma con tante pagine,

vuole raccontarsi, a chi lo sa leggere,

vuole aprirsi, a chi lo sa apprezzare,

perché non sempre leggere,

ha un suo valore.

Le parole, da tempo sono note,

che trasmettono sensazioni,

adagiate su una sorta, di nuvola bianca.

Esse servono, a descrivere le nostre emozioni,

servono a narrare, le nostre sensazioni,

servono a trasformare, il dolore in amore,

perché non c’è amore, che non nasca dal dolore.

Vuoi tu, la vita viverla, oppure rincorrerla,

attraverso i sogni, le false illusioni,

attraverso il tempo, mendace corruttore,

che cerca di lenire o gioire,

semplicemente aspettando,

che il desiderio sia l’ultimo a fluire.

Il desiderio di vivere, di dare,

quello di amare e ricevere,

è la forza arcana, che stira queste pagine,

che adagia le parole, su queste pagine,

la reale verità, è quella che racchiudiamo,

nella nostra intimità,

dove nessun segreto,

 potrà mai essere violato,

se non saremo noi a sacrificarlo,

 sulle pagine della vita.

© Copyright 2013 Raffaele Spera. All rights reserved.

Io, non dovrò mendicare più … amore.

Chagall Cemetary gates

La fine della vita, è l’inizio della serenità,

mentre cerchiamo, inutilmente,

di non accettare questa verità.

Lontano, dalla nostra inutile esistenza,

devoluta, alla sofferenza,

crediamo, che il credo del vivere,

sia importante,  per qualcosa,  per qualcuno,

ma chi … se il nulla ti avvolge,

e il silenzio, che hai sempre amato, ti angoscia,

perché devo illudermi, che oltre quella porta,

ci sia un mondo nuovo, fatto di luce,

quando è la verità da accettare,

che oltre, c’è il buio totale,

c’è il grande silenzio,

 arcano, reale, vero, e con esso,

quello che da tempo agogno,

la mia assoluta tranquillità,

la fine di ogni sofferenza

e  nessuno vuole accettare,

con dignità, questa assoluta verità.

Io non ho paura del dopo,

dove, non patirò il dolore,

dove, non sarò schiavo dell’orgoglio,

dove, ogni cosa e ogni misura,

non avranno più alcuna valore.

La pace, la calma, la serenità,

saranno assoluti,

io non dovrò mendicare più … amore.

© Copyright 2012 Raffaele Spera. All rights reserved.

Il valore della parola … amore.

Vorrei un angolo, dove rilasciare

i miei pensieri, i miei dolori,

una parte di una vita,

inutilmente  spesa,

 a cercare, di riuscire a superare

l’amarezza che ti stringe a se,

ogni volta che apro gli occhi e penso a me.

Vivo per una serenità che riesco a regalare,

a chi non sa amare, a chi non sa capire,

il valore di un sentimento,

che non va confuso, con un banale godimento.

Amare … amare … amare …

questo è l’unico verbo che so coniugare.

Amo la vita, amo la serenità che desidero,

amo la lealtà, la sincerità, i sentimenti.

Amo l’impossibile, illudendomi

che tutto sia ancora possibile.

Nessuno arresterà mai,

 la mia voglia di amare e dare,

perché la mia vita è l’essenza

del crescere, accanto a chi, mi dice si

ma non per una sera o una notte,

non per un tempo o per l’infinito

solo chi di me ha capito,

il valore di un sentimento amaro ma vero,

che amo regalare a chi sa capire

il valore della parola … amore.

© Copyright 2012 Raffaele Spera. All rights reserved.

Published in: on 19 agosto 2012 at 08:44  Comments (7)  
Tags: , , , , , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: